ENRICO CARUSO

ENRICO CARUSO

lunes, 26 de mayo de 2014

Francesco Paolo Tosti, programma di sala, Londra 1903

Un successo da baronetto Nel 1878 Tosti aveva iniziato a partecipare al progetto michettiano del Cenacolo di Francavilla. Nel 1880 prende avvio la collaborazione artistica con Gabriele D'Annunzio. Il primo frutto di questa collaborazione è Visione!… La posizione inglese di Tosti è ormai solidissima. Con la fama è giunto anche il denaro. Presto assurgerà ad una importanza cospicua nella vita musicale londinese come insegnante, compositore e organizzatore musicale. È docente nelle massime istituzioni didattiche di Londra come la Royal Academy of Music e il Royal College of Music; le sue romanze e i suoi songs sono tutti celebrati successi; è l'organizzatore dei concerti e delle serate musicali della corte inglese. Nel 1889 sposa a Londra Berthe Victoria Jeanne Marie de Verrue, figlia di un ingegnere belga d'origine francese e buona dilettante di canto, conosciuta nei salotti musicali londinesi, dove si esibiva anche in produzioni di teatro leggero con lo pseudonimo di Mademoiselle Baldi. L'unione si rivelò solida e probabilmente stimolante per Tosti anche dal punto di vista artistico, visto l'interesse spiccato di Berthe per la cultura. La coppia però non ebbe figli e continuò a mantenere stretti rapporti con i nipoti sia della famiglia Tosti che della famiglia de Verrue. Tosti, nel corso della sua carriera, ottenne altissimi riconoscimenti in tutta Europa (Grande Ufficiale Corona d'Italia, Cavaliere SS. Maurizio e Lazzaro, Medaglia Litteris ed Artibus - Svezia e Norvegia, Cav. di Leopoldo del Belgio, Comm. del Busto del Liberatore -Venezuela, Comm. Isabel la Católica - Spagna, Ufficiale de la Légion d'Honneur - Francia, ecc.), ma quelli più significativi furono naturalmente inglesi. L'11 dicembre del 1908 Tosti viene creato baronetto da Edoardo VII. Per questo, nel 1909 è festeggiato a Roma al Circolo artistico da ammiratori e colleghi. Sono presenti, tra gli altri, Puccini, Mascagni, Sgambati. A 66 anni Tosti decide di lasciare Londra per tornare in Italia con la moglie. Il 2 dicembre del 1916 il compositore muore in un appartamento dell'Hotel Excelsior di Roma per un attacco di cuore.